• CMR. Direzione: Dott. Sodano. Fecondazione Artificiale. Torino
  • CMR. Direzione: Dott. Sodano. Fecondazione Artificiale. Torino
  • CMR. Direzione: Dott. Sodano. Centro procreazione assistita. Torino

Nonostante l’attuazione delle misure preventive per evitare il contagio da COVID-19 previste dalla applicazione dei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8,9 e 11 marzo 2020, l’aumento esponenziale dei casi positivi accresce il rischio di contaminazione dei pazienti infertili e del personale dei centri di medicina della riproduzione nelle prossime settimane.

Al momento vi sono dati preliminari sui rischi in donne COVID-19 positive in gravidanze avanzate (terzo trimestre), mentre non si ha nessuna conoscenza sull’effetto che potrebbe avere il virus in questione sulle gravidanze iniziali, sia per la madre che per il nascituro.

Pertanto C.M.R, in linea anche con le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità, delle società scientifiche e delle autorità sanitarie, ritiene che attendere il passaggio del picco delle infezioni, prima di intraprendere cicli di Procreazione Medicalmente Assistita, ad eccezione dei trattamenti non differibili o perché urgenti o perché già iniziati, procrastinando la ricerca della gravidanza anche utilizzando in maniera estensiva le tecniche di crioconservazione di gameti ed embrioni, sia un approccio corretto e appropriato.

Lo staff C.M.R. rimane a vostra completa disposizione

MISURE DI PREVENZIONE ADOTTATE DA C.M.R

C.M.R. ha adottato le seguenti misure preventive in conformità con i Dpcm dell’ 8, 9 e 11 marzo 2020 recanti nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull’intero territorio nazionale:
• Gestione delle prenotazioni in modo da garantire la presenza simultanea di un numero limitato di persone all’interno della struttura
• Possibilità di effettuare colloqui di consulenza via Skype
• Collocazione delle sedie in sala d’attesa atta a rispettare la distanza di sicurezza di un metro
• Predisposizione di postazioni con disinfettante
• Potenziamento sistema di ventilazione

Per la loro sicurezza e per quella degli operatori, agli utenti viene richiesto di:
• Non recarsi in struttura in presenza di sospetti sintomi (tosse, febbre superiore a 37,5°C)
• Attenersi scrupolosamente alle direttive del personale
• Lavarsi accuratamente le mani con il disinfettante e indossare la mascherina chirurgica messi a disposizione al momento dell’ingresso in struttura.
• Compilare l’autocertificazione attestante l’assenza di sintomi al momento dell’ingresso in struttura
• Rispettare la distanza di sicurezza di un metro